Visita del prefetto: sicurezza e lavoro. Il sindaco di Ficarolo elenca i nodi cruciali del paese Furti, crisi Icap, le bizze del Po e il giudice di...

Mercoledì 27 Marzo 2013, Rovigo -Sicurezza, occupazione e territorio. Queste le delicate tematiche sottoposte all'attenzione del prefetto Francesco Provolo, ieri mattina in visita ufficiale a Ficarolo.

      In primo piano la microcriminalità che ultimamente imperversa in paese. Un susseguirsi di furti, messi a segno o tentati, a danno di numerose attività commerciali. Risicato bottino - per di più spiccioli destinati alla beneficienza - ma diversi i danni arrecati alle attività o a locali pubblici (presa di mira anche la sede municipale). «Fortunatamente gli atti vandalici sono in fase di conclusione. A compierli molto probabilmente una banda di minorenni», ha rassicurato il sindaco Fabiano Pigaiani, accogliendo il prefetto in sala consigliare assieme ai consiglieri, al parroco Giancarlo Crepaldi e al maresciallo dei Carabinieri.

      Prospettive tutt'altro che rosee, invece, per i 74 dipendenti in cassa integrazione dell'azienda Icap di via Ercole Sarti. Fondata da Anselmo Magnanini nei primi anni ’60, l'Icap è sempre stata una delle principali fonti di sostentamento della comunità. Ad oggi gli scenari sono radicalmente mutati. Il suo fatturato, originariamente di circa 32 milioni di euro, si è dimezzato a 15 milioni. Dei 113 operai rimasti fino al 2007, agli attuali 74 è stata assicurata la cassa integrazione straordinaria a rotazione, almeno fino al 25 marzo. I vertici dell'azienda, l'associazione industriali e i sindacati si incontreranno probabilmente la prossima settimana per concordare il da farsi.

      Spinosa anche la questione relativa alla possibilità di mantenere l'ufficio del giudice di pace sul territorio ficarolese, in piazza Quattro Martiri. Dal prossimo 29 aprile, infatti, i sindaci della circoscrizione che fa capo al giudice di pace di Ficarolo, da Melara ad Occhiobelo, dovranno condividere un percorso comune e deciderne le sorti.

      Il sindaco Pigaiani ha infine sollevato il problema della sicurezza idraulica legata agli interventi di manutenzione delle sponde del Po.

      Il prefetto Provolo si è recato anche a Gaiba. Ad accoglierlo il primo cittadino Roberto Berveglieri e la sua giunta, il parroco, i rappresentati delle associazioni di volontariato e delle nuove realtà aziendali.

Ilaria Bassi

IL GAZZETTINO - Mercoledì, 27 marzo 2013