VERTENZE. Ofv, i sindacati da Bertoni per la possibile ripartenza

La produzione alle Officine Ferroviarie Veronesi potrebbe ripartire il primo dicembre. Il condizionale è d'obbligo viste le false partenze dell'ultimo anno e mezzo: a dare certezze ci penserà Giovanni Bertoni, commissario straordinario dell'azienda di via Campo Marzio, che oggi incontrerà i rappresentanti sindacali. «Ci deve confermare il rientro al lavoro di 15 carpentieri e 10 allestitori, da inizio dicembre», spiegano Stefano Zantedeschi, Fiom Cgil e Massimiliano Nobis, Fim Cisl. «Ci sarebbero ore di commesse tali da garantire lavoro per tre, quattro mesi», aggiungono, «ma vogliamo garanzie da Bertoni, perché questa non si trasformi nell'ennesima illusione per i 186 lavoratori». La ripartenza consentirebbe di chiedere al ministero una proroga della cigs, in scadenza ad aprile.

All'ordine del giorno dell'incontro anche il pagamento degli stipendi arretrati: per la maggior parte dei lavoratori mancano quelli di aprile e maggio 2013. Altri dipendenti sono stati richiamati anche nei mesi successivi, per loro gli arretrati arrivano a settembre, sempre del 2013. «Queste mensilità dovevano essere versate il 10 novembre», sottolineano i sindacati, «ma a causa del ritardo del pagamento di un cliente, Bertoni ha chiesto di posticipare al 10 dicembre. Pretendiamo certezze anche su questa scadenza».F.L.

L'ARENA DI VERONA - Martedì, 25 novembre 2014