Ivass: «Rc auto, scorretti sei siti comparativi»

Scorretti e poco trasparenti. I siti di comparazione delle polizze rc auto sono finiti sotto la lente dell´Ivass, istituto di vigilanza del settore. Sotto erame i portali: Chiarezza, Comparameglio, Facile, Segugio, 6Sicuro e Supermoney che nel 2013 hanno eseguito 13 milioni di preventivi. Per l´Ivass, sono pieni di pubblicità, poco chiari, omettono informazioni e sono in conflitto di interesse e comparano solo, o perlopiù prodotti di poche imprese con cui hanno concluso accordi e da cui sono pagati per ogni contratto stipulato. In più, per l´Ivass, i siti fanno largo uso di messaggi pubblicitari formulati in modo da ingenerare nei consumatori il convincimento di poter ottenere notevoli risparmi e di acquistare il «miglior prodotto» o di rivolgersi alla «migliore impresa». Non indicano i criteri di valutazione dei prodotti e delle imprese, né le basi di calcolo del risparmio promesso. Da qui

l´ultimatum dell´Authority: apportare «misure correttive» entro il 31 gennaio.

Il Codacons parla di danno agli utenti e «alterazione del mercato» e chiede che le pagine web siano oscurate «almeno fino a che l´istituto non potrà verificare la correzione». L´Adiconsum, chiede che l´Ivass valuti se questi siti abbiano leso la concorrenza e praticato pubblicità ingannevole.

IL GIORNALE DI VICENZA - Martedì, 25 novembre 2014