Incentivi, il bonus c’è ma non basta. Il segretario Vendrame: «Finanzia le nuove assunzioni, ma non è sufficiente»

TREVISO Arriva il bonus per gli incentivi destinati alle imprese che assumono lavoratori licenziati: ma in Veneto bastano appena a coprire 500 assunzioni a tempo indeterminato, nemmeno le perdite complessive di una provincia su sette. «Basta all’esasperata politica del rigore di Monti: facciamo investimenti per rilanciare l’occupazione», ha detto Giacomo Vendrame, segretario generale della Cgil Treviso. Il bonus per riassumere stanziato dal ministro Fornero nella Marca non basterà nemmeno per riassorbire i licenziati dal settore edile o metalmeccanico o dal commercio. «Da quest’anno i lavoratori licenziati provenienti dalla pmi, non possono più iscriversi nelle liste di mobilità», spiega Vendrame, «si è tentato di aggiustare il tiro con un provvedimento che finanzia le nuove assunzioni. Ma i soldi non bastano». Il provvedimento prevede un incentivo, in forma capitaria, pari a 190 euro mensili per un periodo di 12 mesi, in caso di assunzione a tempo indeterminato, e per un massimo di 6 mesi in caso di assunzione a tempo determinato, anche part-time o a scopo di somministrazione, di lavoratori licenziati, nei dodici mesi precedenti l’assunzione, per riduzione, trasformazione o cessazione di attività o di lavoro. A sostegno dell’intervento il ministero del lavoro ha stanziato 20 milioni di euro di incentivi destinati alle aziende che assumeranno licenziati per i quali non esistono le condizioni per l’attivazione delle procedure di mobilità. «Ma sono una cifra a dir poco ridicola se spalmata sull’intero territorio nazionale», ha continuato il segretario, «nel solo nel territorio trevigiano sono usciti dalle ditte sotto i 15 dipendenti ben 5.286 lavoratori». Alla beffa del bonus si aggiunge il problema degli ammortizzatori in deroga a cui ad oggi sono destinate risorse che basteranno a malapena a pagare i primi 6 mesi dell’anno. «È il tempo di concludere l’esasperata politica del rigore propugnata dal Governo Monti», conclude Vendrame. (s.g.)

LA TRIBUNA DI TREVISO - Mercoledì, 27 marzo 2013