Fondo per le imprese Domani chiarimento sulla gestione dei soldi

ROVIGO — I dettagli del nuovo protocollo d'intesa per il Fondo di rotazione della Regione a favore delle imprese polesane, soprattutto piccole e medie, verranno svelati domani alle 11.30 in Camera di Commercio dall'assessore regionale all'Economia, Isi Coppola insieme a Lorenzo Belloni, presidente dell'ente camerale e a Gian Michele Gambato, leader di Unindustria Rovigo.

Fino ad allora, bocche cucite rispetto alla disponibilità del Consorzio per lo sviluppo del Polesine (Consvipo) ad assumere un ruolo di coordinamento, come proposto dal suo presidente Angelo Zanellato.

Una dichiarazione che pare non essere stata particolarmente gradita nei corridoi della sede di Confindustria in via Casalini da cui, in ogni modo, non arrivano valutazioni ufficiali. Certo è che gli industriali si apprestano ad avere un ruolo di primo piano nella gestione del Fondo di rotazione da 16 milioni di euro, pensato per il rilancio dell'economia polesana e collegato a doppio filo con l'intesa sottoscritta nei giorni scorsi a Roma proprio tra l'assessore Coppola e il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera.

Nel centrosinistra, in ogni modo, viene richiesto il coinvolgimento nella gestione del Fondo non solo del «Consvipo», ma pure della Provincia, come garanzia di corretti rapporti istituzionali. Se non, addirittura, di trasparenza, come reclamato dal consigliere regionale democratico Graziano Azzalin.

«Sono stati esclusi dalla gestione la Provincia e tutte le rappresentanze sindacali e di categoria indicate nel protocollo come "cabina di regia" - spiega Azzalin - nel mio emendamento mi sono limitato a chiedere che venisse ripristinato quanto stabilito dalla delibera firmata nel 2011 dalla stessa Coppola».

CORRIERE DEL VENETO - Mercoledì, 27 marzo 2013