Assemblea affollata dell’Ata Solidarietà al collega sospeso

TESSERA Sul caso dell’aereo della British Airway con la carlinga squarciata che ha portato alla sospensione dal lavoro del dipendente di Ata Italia srl che guidava il carrello elevatore che ha provocato il danno, ieri si è svolta una affollata assemblea dei lavoratori dell’Ata che hanno voluto, così, esprimere solidarietà al collega. All’incontro, spiega Antonini (Usb) è stato invitato, e ha partecipato anche il direttore dell’aeroporto Valerio Bonato. Il fatto è accaduto giovedì scorso intorno alle ore 12.30, a bordo pista del Marco Polo, mentre un lavoratore dei servizi di terra, dipendente dell’Ata alla guida di un carrello elevatore mobile, stava eseguendo le operazioni di scarico della carlinga dell’aereo della British. Per cause ancora in via di accertamento, il ponte del carrello elevatore ha urtato violentemente contro la carlinga provocando un grosso squarcio. Oggi è previsto un nuovo incontro, spiega Antonini, tra le organizzazioni sindacali e l’Ata Italia Srl e l’Usb continua a richiedere, e lo ha fatto anche ieri rivolgendosi al direttore Bonato, di far rientrare al lavoro il lavoratore. Insomma i prossimi incontri saranno decisivi per capire come si svilupperà la vicenda.

LA NUOVA VENEZIA - Martedì, 26 marzo 2013