Vicenza: dal 22 settembre assemblee Cisl nel territorio

Martedì, 20 settembre 2011
gianfranco-refosco-cisl-vicenza2

Mobilitazione nel territorio, coinvolgimento di delegati e attivisti e discussione di proposte concrete: è questo il percorso a cui la Cisl di Vicenza darà inizio con un fitto calendario di assemblee territoriali. Un percorso che culminerà il prossimo 8 ottobre a Venezia con la partecipazione alla manifestazione regionale di Venezia.

«La Cisl ribadisce il suo giudizio negativo sulla manovra approvata dal Governo - afferma Gianfranco Refosco, Segretario Generale della Cisl Vicenza - È una manovra approvata con la fiducia, senza spazi di discussione o proposta, una manovra iniqua che con l'aumento dell'Iva scarica sui redditi medio-bassi tutto il peso dei sacrifici da affrontare e, infine, è una manovra "depressiva" che non dà nessuna indicazione per far ripartire il Paese».

«Per questi motivi - prosegue il Segretario - la Cisl continuerà a mobilitarsi: avvieremo un percorso di assemblee nel territorio per costruire dal basso una piattaforma di sviluppo che metta al centro l'equità, proponendo la patrimoniale e tagliando i costi della politica, e lo sviluppo, individuando la strada per rendere più attrattivo il nostro territorio favorendo investimento e stimolando lo sviluppo e la crescita».

Il calendario delle assemblee inizierà a Schio il 22 settembre alle 20.00 (ristorante "Da Gimmi", via Veneto 33). I successivi appuntamenti, inizio sempre alle otto di sera, saranno: il 26 settembre a Valdagno (Sede Cisl via Galliano 10), il 27 settembre a Bassano (sala "Bellavitis" via Beata Giovanna 65), il 29 settembre a Montecchio (sede Cisl via Duomo 1), il 3 ottobre a Lonigo (sede Cisl via del Macello 30) e il 5 ottobre a Vicenza (sede Cisl viale Carducci 23).

«Il Governo - conclude Gianfranco Refosco - sta perdendo quotidianamente pezzi di credibilità oltre ad essersi dimostrato inadeguato ad affrontare la crisi. Ora serve uno spirito di unità e coesione che metta insieme tutti. Per questo la Cisl intende lavorare a partire dal territorio: per valorizzare tutte le possibilità che lo caratterizzano».