Vetro Murano: il contratto ora c’è

Mercoledì, 14 marzo 2012

Dopo tre mesi di trattative serrate, è stato raggiunto l'accordo sul rinnovo del premio di produzione per i circa 1.100 lavoratori del vetro artistico muranese. Confindustria e sindacati si sono confrontati ieri per l’ennesima volta ma stavolta la firma è arrivata. In ballo il premio non ancora erogato per lo scorso anno (scadeva a febbraio 2012), quello di quest’anno e del prossimo. L’ intesa fissa i massimali lordi che per il personale con mansioni produttive arriveranno a 1.746 euro (premio 2011), 1.796 euro per quest’anno e a 1.846 euro l’anno prossimo. Per il personale amministrativo invece i massimali sono 968 premio 2011), 993 (premio 2012) e 1.018 euro (premio 2013).

L’accordo prevede che il compenso sarà parametrato alla presenza effettiva, senza penalizzare i lavoratori in caso di ricorso alla cassa integrazione guadagni. Il premio verrà corrisposto l’anno seguente rispetto a quello preso in considerazione, mentre quello relativo al 2011 viene spalmato nei mesi restanti dell'anno in corso. «Il premio terrà ora conto dell’effettivo merito del lavoratore, modificando quei criteri di calcolo che, considerato l’attuale situazione del settore, risultavano più penalizzanti – commenta Luca Sarto, responsabile della  Femca Cisl per il settore Vetro Murano-  è un risultato per noi soddisfacente poiché contribuisce a sbloccare una situazione conflittuale che ostacolava la ripresa del comparto e che, nel contempo, da un giusto riconoscimento alla professionalità dei lavoratori. Finalmente, con questa intesa, le aziende e i lavoratori del vetro potranno tornare a lavorare insieme per il rilancio di un distretto che rimane fiore all’occhiello dell’industria veneziana nel mondo».