Venezia. Confermato Bizzotto, entra in segretaria Gaggio

Martedì, 21 marzo 2017

Rinnovata la fiducia a Paolo Bizzotto nella carica di Segretario generale per i prossimi quattro anni. Il Consiglio generale della Unione di Venezia, che si è riunito alla conclusione del 3° Congresso territoriale, si è espresso assegnando a Bizzotto 76 preferenze su un totale di 82 votanti.

Originario di Castelfranco Veneto (santola di battesimo Tina Anselmi) Bizzotto nasce da una famiglia operaia. Impegnato nel sociale, prima nel volontariato cattolico e poi nel movimento studentesco, la sua militanza nella Cisl gli costa nel 1985 il licenziamento da un’azienda di capannoni prefabbricati nel trevigiano dove lavorava come disegnatore. Dal 1989 è impegnato a tempo pieno nella Filca territoriale e poi con due mandati nella segretaria regionale prima di essere eletto lo scorso febbraio 2016 alla guida dell’Unione veneziana.

In segretaria arriva la new entry Caterina Gaggio mentre sono stati confermati Paolo Pozzobon (Aggiunto) e Guido Marcati.

Nella due giorni del Congresso territoriale molti gli ospiti presenti, tra cui le rappresentanze datoriali che hanno dato piena disponibilità alla proposta di Bizzotto di convocare gli Stati Generali della Città Metropolitana di Venezia su cui si è espresso positivamente anche Onofrio Rota in quanto «integrazione ed arricchimento del progetto #Arsenale2022 che ha l’obiettivo di generare una visione strategica sui temi cruciali per la nostra Regione». Nella giornata di ieri è intervenuto anche il Sottosegretario Pier Paolo Baretta che, facendo riferimento alla cancellazione dei voucher, scelta contestata dalla Cisl, ha sottolineato che «per proseguire con le riforme è necessario far pesare il dialogo sociale». Baretta si è anche dichiarato d’accordo con la proposta degli Stati Generali.