Rovigo. Nuovo premio di partecipazione alla Akzo Nobel

Giovedì, 09 luglio 2015

Si è conclusa oggi, con un accordo, la trattativa tra RSU, organizzazioni sindacali e direzione aziendale della Akzo Nobel di Cavanella Po per il rinnovo del contratto aziendale.

L’accordo riguarda i 50 dipendenti che lavorano nello stabilimento polesano della multinazionale olandese specializzata nella produzione di vernici, rivestimenti e altri prodotti chimici.

Enrico Rigolin, che per la Femca Cisl ha partecipato al tavolo della trattativa, specifica in punti dell’accordo. “Abbiamo migliorato il premio presenza e ottenuto un sensibile incremento del premio di partecipazione triennale che si aggirava sui mille euro all’anno, aggiungendo per i lavoratori alcune prestazioni sul welfare di grande significato. L'azienda infatti pagherà con le proprie tasche la quota di Faschim (fondo di assistenza sanitaria complementare delle industrie del settore chimico) del dipendente e cresce il contributo pagato dall’azienda per la previdenza complementare  di chi è iscritto ad un Fondo Pensione contrattuale (Fonchim o Solidarietà Veneto)”.

Per il sindacalista si tratta di un accordo molto soddisfacente, specie per la parte riguardante il welfare aziendale che si rivela sempre più interessante per i lavoratori dopo la soppressione degli incentivi (detassazione per il lavoratori e decontribuzione per le impresa) sui premi di risultato.