Riforma fiscale: seminario Cisl a Zelarino

Venerdì, 12 marzo 2010
maurizio-cecchetto1

La Cisl del Veneto prosegue la sua mobilitazione a sostegno delle richieste di riforma fiscale avanzate al governo e mette in cantiere per mercoledì 17 marzo prossimo un seminario sul tema della riforma fiscale con i più alti esponenti delle associazioni di categoria.

Il seminario, che coinvolgerà tutto il gruppo dirigente della Cisl, si svolgerà presso il "Centro pastorale cardinale Urbani" di Zelarino (Venezia). Dopo l'introduzione di Maurizio Cecchetto, segretario della Cisl Veneto con delega alle politiche fiscali, ad aprire gli interventi sarà Mario Bertolissi, professore ordinario di Diritto costituzionale presso l'Università di Padova, con una riflessione che verterà sulla riforma del fisco in un'ottica federalista. Seguirà, alle ore 11.00, una tavola rotonda: a confronto le voci di Franca Porto, segretaria generale della Cisl Veneto, Andrea Tomat presidente di Confindustria Veneto, Claudio Miotto, presidente di Confartigianato Veneto, e Maurizio Franceschi, presidente di Confesercenti Veneto. Modera il dibattito il giornalista Ario Gervasutti.

"La riforma fiscale - chiarisce Cecchetto - per cui la Cisl ha presentato nelle scorse settimane in tutta Italia la propria proposta, deve essere condivisa e saper coinvolgere il mondo economico e produttivo. Anche alla luce del disagio sociale che si riscontra e si vive nel Paese, è importante costruire una risposta alla crisi che porti a un nuovo modello di sviluppo, e stringere per il bene del Paese un'alleanza solida, che consenta di individuare insieme - politica, sindacato e impresa - le soluzioni adeguate".
Da tempo, infatti, la Cisl sollecita il Governo ad aprire un tavolo con il mondo produttivo e le parti sociali per discutere di una riforma fiscale organica a beneficio di lavoratori dipendenti, pensionati e imprenditori.

Sette, in sintesi, le direttrici su cui si sviluppa la proposta Cisl: la riduzione del carico fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati, il sostegno alla famiglia con il "NAF" (nuovo assegno familiare), l'incentivo al secondo livello contrattuale tramite la detassazione, la lotta all'evasione fiscale, il fisco premiale per le imprese che investono e non riducono l'occupazione, la tassazione di rendite e patrimoni e, infine, il federalismo fiscale.

fisco