Refosco (Cisl Vicenza): sfida ai Comuni contro l’evasione fiscale

Martedì, 03 maggio 2011
gianfranco-refosco-cisl-vicenza1

Ha convocato il Consiglio Generale, Gianfranco Refosco, per lanciare la sfida della Cisl vicentina sul fisco e sul welfare locale "che porti a risultati concreti nel nostro territorio".

Refosco è partito dai dati nazionali sul fenomeno dell'economia sommersa e della derivante evasione fiscale "Le stime Istat assegnano, per il 2008, un valore all'economia sommersa pari a 255-275 miliardi di euro, circa il 17% del PIL.  La lotta all'evasione ha portato allo Stato introiti, nel 2009, pari a 10,6 miliardi di euro, in crescita rispetto al passato, ma il problema è tutt'altro che risolto". E per spiegare che non si tratta di un fenomeno che riguarda solo l'Italia del Sud il segretario della Cisl ha ricordato le recenti cronache vicentine ed in particolare la maxi evasione nella concia emersa nella indagine Dirty Leather  la cui quantità di imposta evasa "da sola avrebbe risolto i problemi di bilancio di bel numero di comuni vicentini e per più di un anno".

Ed il riferimento ai bilanci dei comuni, ai tagli già subiti per pareggiare i conti pubblici  e quelli che seguiranno prossimamente (come annunciato dal governo) e alle conseguenti restrizioni nel welfare locale, sono stati immediatamente richiamati per argomentare la proposta che la Cisl vicentina intende portare avanti già nelle prossime settimane in tutta la provincia: il coinvolgimento attivo dei comuni nella lotta all'evasione fiscale.

"Ad oggi- ha denunciato Refosco- nessun comune vicentino ha istituito il proprio Consiglio Tributario (previsto dalla legge)  che avrebbe il compito di segnalare all'Agenzia delle Entrate, alla Guardia di Finanza e all'Inps informazioni utili per verificare le dichiarazioni dei redditi così come nessun comune vicentino ha stipulato gli accordi di collaborazione con l'Agenzia delle Entrate (anche questi previsti dalla legge) per il contrasto all'evasione fiscale".

Per sollecitare Sindaci ed amministratori locali a darsi da fare la Cisl avvierà quindi una campagna di informazione per sostenere l'applicazione di questi strumenti previsti dalla legge. Il messaggio sarà semplice ed immediatamente comprensibile: far pagare le tasse a tutti per recuperare risorse da usare nel welfare locale. Insomma: fatti concreti e non solo dichiarazioni di principio.

Al Consiglio Generale è intervenuto il Segretario Generale aggiunto della Cisl, Giorgio Santini.

 

fisco, Ust Vicenza