Per la TAV

Giovedì, 25 giugno 2009
logo-treno-alta-velocita

E' dedicato a perorare la causa della TAV l'ultimo numero di Nordesteuropa.it il cui tema del mese titola eloquentemente Salviamo la TAV.
La rivista, che esce mensilmente e presenta la prima pagina on line, sulla questione TAV "anni di promesse e di ipotesi mai declinate in progetti" presenta diversi qualificati contributi: da una inchiesta di Eleonora Vallin TAV: l'ultima fermata alla intervista Dosare bastone e carota che Alessandra Carini fa al Presidente delle Ferrovie Italiane Innocenzo Cipolletta. A seguire contributi di Paolo Possamai Qui si gioca lo sviluppo del paese e di Marco Scorzato Sulla strada è tutto uno stop.
La posizione sulla TAV della pubblicazione che si definisce "luogo di confronto tra le culture riformiste del Nordest" è chiara: il treno veloce è oggi il minimo indispensabile per essere competitivi in Europa ed il rischio è quello di essere tagliati fuori. Nordesteuropa chiama la classe dirigente del Nordest a fare uno sforzo congiunto per non perdere definitivamente questa occasione.
Sul tema dei collegamenti rapidi che possono meglio collegare il Veneto al resto dell'Europa era intervenuta qualche giorno fa Franca Porto affrontando i problemi del Corridoio V la cui realizzazione è bloccata dal mancato stanziamento di adeguate risorse da parte del Governo e dai ritardi nella progettazione dei tracciati (in Veneto non si è ancora deciso per dove devono passare i binari).

infrastrutture