Pedemontana Veneta. Natale con cento edili in disoccupazione

Venerdì, 23 dicembre 2016

Sarà un Natale senza lavoro quello dei cento lavoratori del cantiere della Pedemontana il cui contratto a termine, scaduto oggi, non è stato rinnovato dalla SIS in conseguenza della mancanza di prospettive sul proseguimento dei lavori della Pedemontana.
Si tratta del 25% dei lavoratori occupati direttamente dal Consorzio SIS nella costruzione della superstrada, in gran parte opera edili, dai manovali ai ferraioli. La denuncia e la preoccupazione dei sindacati del settore Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, però non si ferma qui “Temiamo anche effetti negativi sulla occupazione dei 600 lavoratori che sono occupati nelle aziende subappaltatrici, alcune delle quali hanno proprio nella Pedemontana la loro principale attività e la quasi totalità del fatturato”. Danni anche all’indotto: mense, alberghi e altre attività che forniscono servizi a chi lavora sulla strada.
«E’ da mesi che abbiamo lanciato l’allarme occupazione – sottolinea Gianni Pasian, segretario Filca Cisl Veneto – arrivando a chiedere ad ottobre, e di nuovo ad inizio dicembre, un incontro con il Ministero delle Infrastrutture per cercare di trovare una soluzione a questo congelamento dei lavori».