Padova: Fabio Graziotto a capo della Filca Cisl

Lunedì, 03 ottobre 2011

Fabio Graziotto ad Auschwitz

Non è facile il compitoche spetta a Fabio Graziotto, 44 anni, nativo di San Martino deiLupari ma residente a Tombolo: giovedì scorso, 29 settembre, ilConsiglio Generale della Filca Cisl di Padova lo ha infatti elettosegretario generale della categoria. Ed è proprio partendo dal suo“direttivo” (così è ancora chiamato, con la definizioneprevista dagli statuti sindacali fino agli anni ’80, il massimoorgano di rappresentanza dell’organizzazione Cisl) che Graziotto cifa una rapida ma incisiva panoramica delle condizioni in cui sitrova, dopo tre anni di crisi, il settore delle costruzioni inprovincia di Padova. “Sui 45 delegati che compongono il nostrodirettivo provinciale ne abbiamo sono due che non sono né in CassaIntegrazione né in mobilità”.

Basterebbe questaimmagine per capire quanto sia dura la crisi e drammatici i suoieffetti sull’occupazione in un settore produttivo che nel padovanoconta sull’attività edilizia, su un tessuto di piccole e medieaziende del mobile e sui cementifici (tre, tra Este e Monselice).

Per l’edilizia parlanoi dati delle Casse Edili dove gli iscritti sono calati del 30%. “Ma-aggiunge il neo segretario- tra quelli che hanno ancora una posizioneaccesa ce n’è almeno un 20% che è in Cig. Dunque si lavora lametà di prima”. Falcidia anche nelle aziende del mobile edell’arredo locali dove il ricorso massiccio alla Cig non hacomunque impedito che ci fossero chiusure e licenziamenti.

“Dei tre cementifici-completa il quadro Graziotto - il Zillo ha una parte dei lavoratoriin Cig, il Monselice ne ha licenziati e messi in mobilità 70 su 170.Per l’Italcementi siamo tribolando per far partire il revamping conun ricorso al Consiglio di Stato”.

La battaglia perl’occupazione che la Filca di Padova (6.000 iscritti, per il 60%edili) ed il suo nuovo gruppo dirigente (sono stati eletti nellaSegreteria territoriale anche Ruggero Albino e Mauro Milan) devonoaffrontare è tutt’altro quindi che una passeggiata. Dalla suaGraziotto ha una sostanziosa esperienza sindacale. Operaiometalmeccanico alla FRO Saldature di Cittadella, aderisce alla Fim ene diventa, prima, rappresentante sindacale aziendale e, poi,operatore. Successivamente si impegna nella Filca e nell’ufficiovertenze Cisl di Padova. Nel 2002 torna all’azione sindacale nelsettore delle costruzioni dove opera ancora oggi.

A Fabio e alla suasegreteria vanno i migliori auguri di un proficuo lavoro da partedella nostra redazione.