Lavoro Veneto misura l'impatto della crisi

Giovedì, 26 febbraio 2009

Nel report appena pubblicato di gennaio 2009 Lavoro Veneto, ente della Regione Veneto dedicato alle politiche del lavoro e oggetto di un curioso incidente di percorso (qualche giorno fa venne per una svista cancellato con un voto del Consiglio Regionale dalla nuova legge sul lavoro per essere successivamente rianimato), misura l'impatto occupazionale della crisi in Veneto.

Un primo dato proviene dal numero delle procedure aperte dalle aziende per messa in Cigs e/o per licenziamento e messa in mobilità di una parte o tutti i propri dipendenti: rispetto a gennaio 2008 il numero delle aziende è raddoppiato (61) mentre il numero di lavoratori coinvolti cresce dell'80% (1.251). In crescita anche le ore di Cig autorizzate come pure gli inserimenti nelle liste di mobilità sia per licenziamenti individuali che collettivi (complessivamente a gennaio 2009 sono stati 2.722, circa 450 in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno).

Il report presenta poi dati specifici per settore e per area provinciale.
- Segno che la crisi continua ad allargare i suoi effetti negativi- commenta Franca Porto, segretaria Cisl del Veneto per la quale- il sindacato deve continuare ad insistere ed a premere affinché alle misure di protezione sociale sinora attivate a livello nazionale e regionale se ne aggiungano altre ancora, anche coinvolgendo i Comuni e le province-.

statistiche Veneto