La triplice alleanza di Solidarietà Veneto per sostenere gli investimenti produttivi delle imprese

Giovedì, 19 settembre 2013

Si sta concretizzando giorno per giorno il progetto del Fondo Pensione Solidarietà Veneto per reinvestire nell’economia regionale una parte del proprio patrimonio finanziario. Grazie ad un accordo di partnership con due istituti di credito cooperativo locali, Banca Prealpi e Banca Verona, si è reso infatti disponibile per le imprese venete di piccole e medie dimensioni un plafond complessivo di 5,6 milioni di euro.

“E’ quello che volevano i fondatori del nostro fondo pensione” commenta Paolo Stefan che di Solidarietà Veneto è il direttore. Al plafond le aziende potranno attingere per realizzare investimenti sia materiali che immateriali in attività di ricerca e sviluppo e a favore di processi di internazionalizzazione. L’importo massimo dei singoli finanziamenti, che avranno natura chirografaria, potrà arrivare sino a 200.000 euro con durata massima da 48 a 60 mesi. Il termine di utilizzo del plafond è stato fissato al 31 luglio 2014 per Banca Prealpi e al 31 marzo 2014 per Banca di Verona.

La scelta delle due banche è stata fatta insieme a Finanziaria Internazionale Investments SGR che da gennaio di quest’anno è partner finanziario di Solidarietà Veneto.

“Siamo convinti che per risollevare l’economia del Paese e dare speranza per il  futuro alle imprese, servono atti concreti – sottolinea Andrea de Vido, Amministratore Delegato di Finanziaria Internazionale - e iniziative come questa, volte ad offrire nuove risorse alle piccole e medie aziende, sono la strada giusta da percorrere”.

Pienamente convinti della validità dell’operazione anche i responsabili delle due banche coinvolte. Per Girolamo Da Dalto, direttore di Banca Prealpi si tratta di un “ulteriore strumento per sostenere l’economia entro degli ambiti nei quali si gioca la competitività delle imprese. Per Valentino Trainotti, di Banca Verona si tratta di “Un esempio molto virtuoso di partnership tra soggetti che hanno in comune lo scopo di sostenere l'economia del territorio e il benessere delle comunità”.