La cittadinanza per i nuovi italiani

Venerdì, 16 aprile 2010
adriano-pozzato

Ai figli degli immigrati nati e cresciuti nel nostro Paese va dato il diritto di diventare cittadini italiani. E' questa l'idea che la Cisl sostiene e sulla quale si sviluppa la discussione nel convegno organizzato, per domani 17 aprile, dalla Cisl di Padova presso Palazzo del Bò, Università di Padova.
Una idea che Adriano Pozzato, segretario generale della Unione, ci spiega così " con la nostra iniziativa di domani vogliamo dar corso alla campagna di sensibilizzazione sul tema dei diritti di cittadinanza che Cisl ed Anolf stanno portando avanti da tempo. Noi sosteniamo la proposta di legge bi-partisan presentata dai deputati Sarubbi- Granata a luglio dello scorso anno. La possibilità di ottenere la cittadinanza italiana va data a chi risiede regolarmente nel nostro Paese da almeno 5 anni e non 10 come ora.
Per i bambini figli di stranieri che nascono in Italia o che sono arrivati in Italia in tenera età questa possibilità deve essere immediata: oggi, solo se sono nati in Italia e compiono i 18 anni di età possono beneficiare di questo diritto. Così cammina l'integrazione".

Un tema, questo della integrazione degli immigrati, che trova una città particolarmente sensibile ed attenta a queste tematiche visto che, secondo i dati Istat, all'inizio del 2009 gli stranieri che risiedano a Padova erano circa 26.000, il 12 % della popolazione, di questi più di 5.000 i minori (il 17% del totale degli abitanti in età da 0 a 17 anni) di cui 3.000 nati in Italia.
In provincia di Padova poi il Ministero dell'Istruzione indica in poco meno di 10 mila gli stranieri sui 103.000 allievi frequentanti le scuole pubbliche, il 9,7% nell'anno scolastico 2007/2008 (ma se guardiamo alla scuola per l'infanzia e la primaria la percentuale sale di 4-5 punti). Una presenza destinata a crescere progressivamente nei prossimi anni. Sempre l'Istat indica nel 28-30% la quota di stranieri sul totale del minori che popoleranno in Veneto nel 2050.
La questione della cittadinanza è sempre più quindi all'ordine del giorno.
La Cisl di Padova ha chiamato a discuterne Antonello Roccoberton, dirigente della Prefettura di Padova per l'area immigrazione, in sindaco Flavio Zanonato, il questore Luigi Savina, Giuseppe Zaccaria rettore dell'Università patavina, Oberdan Ciucci e Abdoulaye Laity Fall, rispettivamente presidente dell'Anolf e segretario della Unione.

In allegato
Cisl Padova. Invito Il diritto di cittadinanza ai figli degli immigrati. 17 aprile 2010. Padova

ust padova, immigrati