Italcementi (PD): iniziativa sindacale a 360 gradi

Giovedì, 05 settembre 2013

Assemblea sindacale ieri mattina alla Italcementi di Monselice per rispondere alla decisione dell’azienda di procedere alla chiusura del sito padovano e la conseguente perdita di oltre 100 posti di lavoro. “Abbiamo deciso di procedere con interventi a 360 gradi- spiega Rudi Perpignano della Filca Cisl- coinvolgendo tutti i soggetti pubblici che possono influire sulla scelta dell’azienda di abbandonare il progetto di revamping dello stabilimento, condizione fondamentale per dare un futuro all’attività produttiva”.

Alla Parrocchia di Monselice e ai sindaci dei 27 Comuni che si erano dichiarati contrari al revamping è stata inviata una lunga lettera nella quale, dopo una cronistoria della vicenda, si chiede a tutti un impegno per impedire la chiusura dell’attività produttiva. Per il 9 settembre è previsto poi un incontro con la Direzione aziendale presso la sede di Confindustria a Padova. “Abbiamo chiesto alla Regione la riapertura del tavolo sui cementifici per concordare un protocollo per la salvaguardia dell’occupazione, dell’ambiente e della salute. Intendiamo anche incontrare gli assessori al Lavoro e all’Ambiente della Provincia di Padova per affrontare la questione cruciale della Autorizzazione Integrata Ambientale”. Ultima mossa il Ministero per lo Sviluppo Economico: il ministro Zanonato ha convocato le parti a Roma per il 10 settembre. Nell’occasione i lavoratori dello stabilimento padovano organizzeranno un presidio davanti alla sede del Ministero. “Chiediamo- conclude Perpignano “che ogni soggetto politico, sociale e civico coinvolto in questa vicenda tenti di essere costruttivo con azioni concrete e soluzioni percorribili.”