Intervista a Valeria Lazzer, neo-segretaria della Filca vicentina

Martedì, 20 ottobre 2009
valeria-lazzer

E' di pochi giorni la elezione di Valeria Lazzer a segretaria generale della Filca Cisl di Vicenza, il sindacato della Cisl che opera nel settore delle costruzioni della provincia berica conta su circa 3.200 iscritti sia tra i lavoratori edili che tra quelli delle aziende del mobile e dei materiali da costruzione.

Valeria è la prima donna in Veneto (la terza donna in Italia, dopo la segretaria della Valcamonica e di Bologna) eletta a capo di una categoria sindacale, come la Filca storicamente governata da uomini ma che, negli ultimi anni si è aperta a rappresentare, anche ai massimi livelli, il variegato mondo del lavoro che costituisce la sua base contrattuale. Le donne infatti, in Veneto, sono una parte consistente dell'occupazione dipendente nel comparto della produzione del mobili e dell'arredo, dove, in alcune aziende sono anche la parte maggioritaria dei dipendenti.

La storia sindacale di Valeria nasce tra il Piave ed il Sile, a San Biagio di Callalta, provincia di Treviso. E' una giovanissima apprendista di una piccola azienda di pavimenti (quattro titolari più quattro dipendenti, ci racconta, e "palla al centro") quella che si rivolge agli uffici della Cisl per saperne di più sui suoi diritti sindacali "me lo ha insegnato mio padre, muratore per una vita e da sempre iscritto alla Cisl" facendoci capire quale è la sua formazione sindacale. Poi le prime esperienze sindacali e nel 2005 diventa operatrice della Filca trevigiana per l'area del Piave, così viene definito quel continuum di paesi, campanili, capannoni (qualcuno adibito a moschea o a tempio sik), mobilifici e campi coltivati, che occupa un triangolo di terra veneta con apice a Vittorio Veneto, base l'A4 e lati l'A27 e l'A28. Uno dei più industrializzati d'Europa, cuore del Distretto del Mobile, terra di grande immigrazione. Poi, nello scorso febbraio, la chiamata a Vicenza e la elezione a segretario generale.

Intervista a Valeria Lazzer

Una donna segretario degli edili: come ti senti in questi panni?

Lusingata di essere la prima in regione e la terza nel territorio nazionale ma non stupita. La Filca Cisl sia nazionale sia regionale, in questi ultimi anni si è impegnata molto nel dare la possibilità alle donne di diventare sindacaliste a tutti i livelli attraverso il lavoro del coordinamento donne e l'impegno di tutti: basti pensare che in regione ci sono operatrici, donne che rappresentano il Veneto nelle consulte di contrattazione nazionale e componenti di segreteria.

Nel vicentino quanto batte la crisi nel settore del mobile e in edilizia?

Molto! Vediamo nelle casse edili una forte diminuzione di lavoratori impiegati in edilizia e purtroppo non si riescono più a contare le persone che vengono nei nostri uffici perché in attesa di arretrati, a volte anche sei mesi o che da un giorno all'altro si sono trovati senza posto di lavoro. Nel legno la situazione è molto simile: basti pensare che in una delle aziende più grandi della provincia si sta contrattando una Cassa Integrazione Straordinaria per più del trenta per cento dei dipendenti. Quindi si può facilmente immaginare la situazione in quale situazione versano la maggior parte delle aziende artigiane vicentine.

Ci puoi dire, in sintesi, quali sono i primi tre obiettivi che intendi perseguire da Segretaria Generale Filca a Vicenza

La Filca di Vicenza, in collaborazione con il regionale, ha messo in campo molti progetti che ora verranno rilanciati e potenziati.

Facendo una carrellata veloce di quelli che ci coinvolgeranno nell'immediato futuro abbiamo il progetto casa ed il progetto migranti.

Sul primo vogliamo realizzare uno studio sulla situazione dell'edilizia, specie quella residenziale, in provincia.

I migranti sono poi una questione per noi prioritaria visto che molti lavoratori dei nostri settori sono immigrati e quindi dobbiamo portare la nostra attenzione su temi come la cittadinanza attiva, la sicurezza e l'integrazione.

Ultima questione, ma fondamentale che da sempre ci caratterizza, è la contrattazione di secondo livello. Il nostro impegno sarà concentrato sul rilancio della contrattazione perché, in un periodo di crisi come quello che stiamo affrontando, buone risposte a sostegno dei lavoratori si possono avere proprio dalla contrattazione decentrata.

Filca Cisl, Ust Vicenza