Immigrati (extraUE): conoscere l’italiano allunga il soggiorno

Venerdì, 03 dicembre 2010
corso-di-italiano

Dal prossimo 9 dicembre entra in vigore il decreto ministeriale dello scorso giugno che prevede l'obbligo, per i cittadini stranieri che chiedono il rilascio del permesso di soggiorno CE di lungo periodo (la ex carta di soggiorno), di superare positivamente un esame di lingua italiana.
Da questo obbligo sono esonerati tutti i cittadini stranieri provenienti dai Paesi dell'Unione Europea. Per i cittadini di nazionalità extra UE sono esentati coloro hanno meno di 14 anni, che hanno titoli di studio o professionali conseguiti in Italia, oppure che sono affetti da limitazioni nell'apprendimento della lingua (per età, patologie o handicap), i dirigenti aziendali, i professori universitari ed i giornalisti ed altri professionisti.
Che deve fare l'immigrato? In primo luogo inoltrare la domanda di svolgere il test di italiano tramite internet collegandosi al sito www.testitaliano.interno.it . Se non è in grado di farlo può rivolgersi alle sedi di patronato. Una volta inoltrata la domanda sarà convocato, con un appuntamento entro 60 giorni, dalla Prefettura per lo svolgimento del test. Il test si svolgerà presso i Centri Provinciali per l'Istruzione degli Adulti , in pratica presso gli istituti scolastici abilitati (ce ne uno o più di uno per ogni centro scolastico). L'esito del test (che l'interessato potrà conoscere anche consultando il sito dove ha inoltrato la domanda) sarà inviato dalle Prefetture alle Questure. Se l'esito è positivo lo straniero può presentare la domanda di rilascio del permesso di lungo soggiorno, se invece è negativo può chiedere di fare una nuova prova.
Nei prossimi giorni le Prefetture dovrebbero fornire ulteriori informazioni su quello che si presenta più che come una giusta opportunità/dovere di integrazione come una possibile ulteriore pratica burocratica destinata ad allungare i tempi di rilascio dei permessi, ad appesantire il lavoro di Prefetture e Questure e ad allargare, se possibile, ancora di più l'elenco degli adempimenti a cui l'immigrato extra Ue deve sottoporsi. Lo sapremo alla prova dei fatti.

In allegato:
Ministero dell'Interno. Circolare 7589 del 11 novembre 2010.

immigrati