Fondo Solidarietà Veneto: nuove opportunità

Mercoledì, 16 settembre 2009
inaugurazione-sede-solidarieta-veneto-covre-e-miotto

L'assemblea del Fondo Pensioni Solidarietà Veneto è stata convocata, in via straordinaria, per il prossimo 25 settembre dal presidente Covre con un robusto ordine del giorno approvato dal CdA nei giorni scorsi. I 200 delegati, metà in rappresentanza dei lavoratori e metà dei datori di lavoro, saranno chiamati a dare il loro assenso a quattro sostanziali novità nella gestione del Fondo regionale. Le prime tre riguardano direttamente l'iscritto e sono: la possibilità di farvi aderire i familiari a carico, la differenziazione con sdoppiamento dei versamenti del comparto di investimento, il versamento dei contributi in forma volontaria e diretta. La quarta è una facoltà del CdA: poter investire direttamente una parte del patrimonio del Fondo in Veneto.
"Su queste novità- spiega Vanna Giantin della Cisl, vicepresidente di SV - si basa il futuro del nostro Fondo che vuole presentarsi, sempre di più, come il fondo dei lavoratori veneti e delle loro famiglie, in grado di dare risposte flessibili e remunerative alle diverse esigenze e disponibilità di risparmio previdenziale presenti nella nostra regione".
Solidarietà è, dallo scorso anno, infatti aperto anche alla adesione degli stessi imprenditori artigiani e dei coltivatori diretti come pure dei collaboratori a progetto. "In molte famiglie venete- continua la Giantin- troviamo mescolate queste diverse condizioni di lavoro; come pure, nel percorso di vita della singola persona sono frequenti i passaggi da uno status lavorativo all'altro, ma alla fine sempre quella è il soggetto che invecchia ed ha bisogno di una adeguata pensione".
La possibilità di dirigere una parte limitata degli investimenti nella nostra regione, naturalmente nell'ambito di quanto previsto dalle norme di legge e sotto il controllo della Covip è, per il CdA di Solidarietà, una ulteriore scelta di valorizzazione dell'aspetto della forte impronta territoriale del Fondo che oggi raccoglie oltre 45 mila iscritti e gestisce un patrimonio pari a più di 303 milioni di euro.

previdenza complementare, Fondo Solidarietà Veneto