EBIT Veneto. La formazione per l'industria turistica funziona?

Mercoledì, 06 luglio 2016

Avrà luogo domani il convegno di Ebit Veneto, momento nel quale ogni anno l'ente bilaterale dell’industria turistica regionale propone una riflessione sul proprio operato e sulle proprie politiche.
Questa volta fil rouge del convegno è la formazione nel settore turistico. L'analisi e la discussione non verteranno però prettamente sui contenuti della azioni formative, o meglio solo indirettamente: il focus principale sarà infatti su come queste vengano valutate nella loro efficacia ed utilità.
“La valutazione” - dice Maurizia Rizzo - “è una componente troppo spesso sottovalutata mentre è parte integrante e fondamentale delle policy del turismo”. Una riflessione che apre ad una questione più spinosa, ossia se le politiche regionali che trainano il settore del turismo funzionano e quanto. “La costituzione di un Osservatorio per le politiche formative e del lavoro in ambito turistico” - continua la presidente di Ebit Veneto– sarebbe uno strumento utile per avere una fotografia sempre aggiornata dei cambiamenti e dei nuovi fabbisogni di questo settore che è in continua evoluzione”.
Molti gli ospiti che interverranno durante la mattinata: Giorgio Palmucci (Presidente Ebit nazionale), Federico Caner (Assessore regionale al turismo) e Fabio Menin (Dipartimento regionale formazione, istruzione e lavoro) e Antonello De Medici (Presidente Federturismo Veneto).
Mara Manente e Erica Mingotto (Ciset – Centro Internazionale Studi sull'Economia Turistica) presenteranno durante la mattinata una ricerca nella quale, partendo da una analisi dei fabbisogni del turismo, viene proposto un sistema di valutazione e monitoraggio sia delle politiche che guidano il sistema formativo che gli interventi formativi per questo settore.
L'appuntamento Ebit è per domani, 7 luglio, presso il Palazzo Grandi Stazioni a Venezia.