Dipendenti direzioni assicurative: fondo anticrisi in vista.

Martedì, 27 ottobre 2009
garibotti-criniti-e-casiroli

L'attivo dei rappresentanti sindacali del comparto assicurativo della Fiba Cisl del Veneto e del Friuli Venezia Giulia ha discusso, in una riunione che si è tenuta oggi presso la sede regionale della Cisl in via Piave a Mestre, due questioni di primario interesse: la costituzione del Fondo Nazionale di sostegno all'occupazione per i dipendenti delle direzioni assicurative e le premesse sul rinnovo del contratto nazionale di lavoro in fase di scadenza. Si tratta in totale di circa 40.000 lavoratori. Sul Fondo è stato raggiunto recentemente un accordo con l'Ania, l'associazione di rappresentanza delle imprese assicuratrici.
Ad illustrare gli argomenti Roberto Garibotti e Giovanni Casiroli, segretari nazionali della Fiba Cisl con delega sul comparto assicurativo.
Il Fondo per il sostegno dell'occupazione, hanno precisato i dirigenti sindacali, sarà attivo tra circa un anno e mezzo e potrà intervenire nella gestione degli esuberi dovuti a gravi crisi aziendali a condizi

one che gli stessi siano riconosciuti da un accordo sindacale sottoscritto in sede aziendale. Al lavoratore in esubero, che volontariamente richiede l'intervento di sostegno, il Fondo potrà erogare un importo mensile equivalente a quello della pensione fino al pensionamento vero e proprio. Questo ammortizzatore sociale, una specie di prepensionamento, pagato però interamente dai privati, è limitato ai lavoratori in esubero a cui mancano non più di 5 anni per maturare l'età di pensione.
"In Veneto e nel Friuli Venezia Giulia - spiega il segretario della Federazione dei lavoratori bancari ed assicurativi del Veneto, Nicola Criniti - non ci sono, al momento, situazione di crisi con richieste aziendali di tagli nell'occupazione. Questo non significa che come sindacato non ci premuniamo con strumenti adeguati e che già abbiamo sperimentato positivamente nella crisi del settore del credito". Per Roberto Garibotti "anche le assicurazioni stanno subendo gli effetti negativi della crisi con una contrazione del fatturati". Alla riunione hanno partecipato, tra gli altri, i delegati sindacali Cisl del Gruppo Fondiaria SAI, Generali, Allianz, Unipol, Cattolica occupati nelle sedi venete e del vicino Friuli Venezia Giulia.

ammortizzatori sociali, Fiba Cisl