Cresce l’emergenza casa e dalla Regione risposte sbagliate

Mercoledì, 18 novembre 2009
img_4850

La grave crisi che sta colpendo il Veneto si misura anche sulla situazione abitativa.
Antonio Ceron, segretario SICET del Veneto ricorda che gli sfratti sono aumentati del 28% rispetto al 2008 e hanno raggiunto il numero di 3.700 in tutto il Veneto, per l'80% dei casi sono determinati dalla morosità dell'inquilino. "Gli inquilini veneti - chiarisce Ceron- non riescono più a pagare gli affitti i cui importi sono cresciuti fino ad incidere in molti casi sul 66 % del loro reddito".
Altro elemento del disagio sono le continue richieste di case popolari presentate ai Comuni veneti: sono oramai oltre 8.500.
In questo quadro si inserisce il progetto di legge della Giunta regionale che prevede la vendita agli inquilini di tutti gli alloggi di edilizia pubblica con più 20 anni.
Quelli che non saranno acquistati andranno sul mercato con la privatizzazione del contratto di locazione e con aumenti dei canoni.
Un progetto su cui il dissenso del Sicet è netto. "Una situazione di grave difficoltà economica e sociale" spiega Ceron "invece di una riduzione del patrimonio pubblico richiederebbe un suo incremento, anche come misura anticiclica".
Su questa posizione si trova anche la Cisl del Veneto per la quale, come sottolinea il segretario Maurizio Cecchetto "usare la leva della riqualificazione dei quartieri aumentando le volumetrie destinate all'edilizia residenziale pubblica porterebbe oltre che a benefici nella domanda sociale di alloggi a prezzi contenuti anche un aiuto all'occupazione del settore delle costruzioni".
Forte la critica del Sicet anche alla intenzione di privatizzare i contratti d'affitto degli alloggi pubblici, oggi a tempo indeterminato, che passerebbero alla durata prevista dalla legge 431/98 (quattro più quattro anni).
Cisl ed Sicet concordano anche sul fatto che la Regione intervenga potenziando le misure di aiuto agli inquilini in difficoltà sostenendo con maggiori risorse il fondo per l'affitto e con una attenzione particolare per quelli che hanno perso il lavoro, così come sta facendo la Lombardia.

Sicet, casa