Congresso Fim Padova e Rovigo: non solo Croce Rossa

Giovedì, 28 febbraio 2013

Dalla fine del 2008, quando si è affacciata la crisi, stiamo facendo “Croce Rossa”.

Così Gianni Castellan, segretario uscente della Fim di Padova, anche per conto della Fim di Rovigo, ha sintetizzato ieri nella relazione introduttiva al congresso di unificazione delle due strutture, il lavoro svolto negli ultimi quattro anni nel territorio. “Un lavoro doloroso e difficile, che abbiamo affrontato con competenza e grande senso di responsabilità” ha aggiunto dopo aver presentato i numeri della crisi nel settore metalmeccanico: 6.000 occupati in meno, considerando anche la perdita di posti di lavoro nel 2012, 545 crisi aziendali aperte presso i tavoli istituzionali con oltre 18.000 lavoratori coinvolti, oltre 51 milioni le ore di Cig autorizzate, 6.000 i lavoratori posti in mobilità.

Una situazione drammatica che per la Fim di Padova e Rovigo può essere affrontata solo con un cambiamento, come recita il titolo del congresso “cambiare si può, cambiare si deve”, nella società, nella politica e nella economia.

Per il gruppo dirigente della nuova Fim che rappresenta oltre 8.400 iscritti il primo cambiamento deve però riguardare il sindacato che deve rompere gli steccati del confinamento (auto-confinamento?). Quindi attenzione alla realtà del lavoro metalmeccanico che si realizza fuori dalle medie e grandi aziende sindacalizzate per ottenere eguali tutele, affermazione del contratto di secondo livello (aziendale o territoriale) come strumento principale dell’azione sindacale, tutela del potere di acquisto del salario anche fuori dalle fabbriche (a cominciare dal fisco). Argomenti che hanno portato al microfono del successivo dibattito, conclusosi stamattina, 40 delegati e una decina di ospiti.

Nel pomeriggio di oggi i 270 delegati del congresso hanno eletto il nuovo Consiglio Generale composto da 137 componenti che, a loro volta, hanno provveduto ad eleggere il Segretario generale, Gianni Castellan (94% dei voti)  e l’Aggiunto, Nicola Panarella (89% dei voti). Ai neo segretari gli auguri di un proficuo lavoro da parte della nostra redazione.