Conegliano: Femca e Fim a scuola di welfare aziendale

Martedì, 08 aprile 2014

Il welfare aziendale ha già fatto strada tra le montagne del bellunese: conosciuto da tutti i caso Luxottica, ma prima ancora fa storia la Fondazione Bandiera della Ideal Standard, poi i casi della Unifarco ed in questi giorni si tratta nell’integrativo aziendale della Costan. L’obiettivo del gruppo dirigente di Femca e Fim, le federazioni sindacali dei lavoratori tessili,chimici e metalmeccanici della Cisl di cui è prossima la fusione in un unico sindacato dell’industria, è ora quello di estendere l’esperienza, anche portandola a valle nelle aziende della Marca.

Il punto di partenza del progetto è la condivisione delle conoscenze e delle esperienze dei dirigenti sindacali chiamati a sostenere la contrattazione aziendale. Per questo domani, a Conegliano, presso la sede della Cisl, i sindacalisti di Femca e Fim di Belluno Treviso  partecipano alla giornata di formazione sul tema che avrà un docente di eccezione: Angelo De Filippo.

Comune l’approccio al tema dei responsabili di Femca, Nicola Brancher, e Fim, Antonio Bianchin “Riteniamo che soprattutto in anni particolarmente difficili come quelli che stiamo attraversando, dove il sindacato è chiamato molto spesso ad impegnarsi su vertenze occupazionali e a sottoscrivere accordi difensivi, dare spazio al tema del welfare aziendale sia una grande opportunità per recuperare valore reale al salario dei lavoratori. Ed è anche un modo per riversare nel territorio risorse economiche, innescando così un circolo virtuoso, utile anche a produrre nuovi posti di lavoro nei servizi”.

Angelo De Filippo è fondatore e socio della De Filippo&Associati, una società di consulenza con sede a Milano  che si occupa di progettazione e realizzazione di programmi di people care e welfare aziendale per grandi aziende, come è stato per Luxottica, Barilla, Sea Aeroporti, Sisal e altri ancora. E’ stato anche responsabile delle relazioni sindacali per il Gruppo RCS.