Cisl a Job Orienta. Questione di matching. Domani tavola rotonda con Elena Donazzan e Gigi Petteni.

Venerdì, 01 dicembre 2017

In Veneto, anche nei mesi più neri della recessione non era raro che le aziende non trovassero personale. Vuoi perché il mestiere richiesto non trovava un corrispondente qualificato, vuoi perché si chiedevano impegni non disponibili (ad esempio trasferte all’estero). Molte opportunità di occupazione sono così andate a vuoto e le aziende interessate hanno dovuto ridurre le loro prospettive di crescita. Indagini realizzare da Unioncamere Veneto hanno indicato che la paradossale condizioni di posti di lavoro inevasi e alta disoccupazione non era un fenomeno marginale nel mercato del lavoro. Ora che la ripresa c’è e le aziende hanno ripreso, anche se con precauzione, ad assumere (abbiamo recuperato e superato i posti di lavoro del 2008, registra Veneto Lavoro) la discrasia tra domanda e offerta potrebbe crescere. Un segnale in questo senso arriva dall’allarme lanciato dagli albergatori veneti a giugno di quest’anno quando, di fronte ad un inaspettato boom degli arrivi e delle presenze nelle località turistiche, non si trovavano lavoratori qualificati sufficienti a coprire l’offerta di lavoro. Lostesso racconto viene presentato dal Sole 24 Ore di ieri con l'allarme lanciato da Confindustria per il manifatturiero. Ecco perché il felice incontro, il combaciare, tra offerta e domanda di lavoro è questione sempre più centrale per la crescita delle imprese e la buona occupazione, specie dei giovani. A questo tema la Cisl del Veneto dedica uno specifico incontro nel contesto della sua partecipazione alla 27a edizione Job Orienta che si svolge in questi giorni alla Fiera di Verona.
L’iniziativa, programmata per sabato 2 dicembre a partire dalle 11.30 in sala Puccini, prevede gli interventi di Elena Donazzan (Assessore Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Veneto), Stefano Mastrovincenzo (Amministratore Unico Ial Cisl), Giulia Rosolen (Confartigianato Veneto) e Onofrio Rota (Segretario generale Cisl Veneto).
L’introduzione ai lavori sarà curata da Gianfranco Refosco, mentre le conclusioni sono state affidare al Segretario Confederale Gianluigi Petteni.