Cisl Vicenza. 18° congresso: Progettare il territorio, rigenerare comunità

Martedì, 14 marzo 2017

«Sarà un momento importante, per dirci quale vogliamo sia la rotta dell’organizzazione vicentina da qui ai prossimi anni e rafforzare il nostro senso di identità, ma insieme per rinsaldare il nostro patto col territorio» anticipa così il Congresso della Cisl di Vicenza Raffaele Consiglio, il segretario generale uscente. 63mila gli iscritti, 1500 i delegati, questi i numeri vicentini. 200 invece i delegati eletti nei congressi territoriali che si riuniranno alla Fiera di Vicenza domani 15 marzo e giovedì 16 per votare gli organi territoriali. Il programma, che si svolgerà in due giorni, prevede nel pomeriggio di del 15 tre tavoli tematici “Governo delle reti e delo sviluppo locale”, “Fattori di innovazione e di sviluppo dell’industria, del manifatturiero e dell’artigianato” e “Nuove infrastrutture per lo sviluppo locale”. «A partire dalle riflessioni che emergeranno nei gruppi di lavoro, e più ampiamente dalle due giornate, Cisl Vicenza elaborerà poi una proposta politica per il territorio – ha spiegato Lorenza Leonardi componente della segreteria – un territorio fino a ieri laboratorio di innovazione e oggi terreno di sfide importanti per la generazione di nuove architetture istituzionali, sociali, culturali».

Molti gli ospiti attesi, dal sindacato di Vicenza Achille Variati, i segretari generali di Cgil e Uil, i rappresentati delle maggiori associazioni economiche, ma anche i presidenti di alcune realtà imprenditoriali e cooperative e di esponenti del mondo sociale e non profit vicentino. Tra gli interventi previsti anche il Segretario Generale Onofrio Rota e il segretario confederale Gigi Petteni.