Cisl Veneto: al centro lavoro e welfare

Venerdì, 11 settembre 2009
esecutivo-cisl-veneto

Lavoro e welfare sono al centro dell'attenzione della Cisl del Veneto che ha riunito oggi il suo Comitato Esecutivo a Mestre.

Franca Porto ha aperto i lavori ricordando l'ottavo anniversario dell'11 settembre e l'impegno del presidente Obama, nel pieno della crisi economica, di riformare il sistema sanitaria Usa a favore dei cittadini meno abbienti.

"In Italia - ha sottolineato la segretaria della Cisl Veneto- ci sono settori dell'impresa e della politica che vorrebbero rinviare le necessarie riforme al dopo crisi. Una idea che non è nostra e che non accettiamo. La Cisl si batte invece affinché le riforme vengano fatte ora, per uscirne prima, uscirne insieme e uscirne tutti indenni". Un esempio chiaro in questo senso ci viene dalla riforma del sistema contrattuale.

Per la dirigente della Cisl veneta non è accettabile infatti che dalla crisi ne escano bene i più forti e male i più deboli. Una questione che si pone anche per il Veneto, il cui benessere è messo in difficoltà dalla crisi economica ed occupazionale in corso. Su quest'ultimo aspetto la Porto ha portato alla attenzione dei dirigenti sindacali presenti i dati salienti relativi al lavoro: dalla riduzione del numero dei lavoratori dipendenti al calo pesantissimo delle assunzioni specie nel settore industriale, dall'aumento del ricorso alla Cig, compresa quella in deroga, a quello dei lavoratori disoccupati ed in mobilità. Una situazione difficile da sostenere anche per il Veneto, area che da anni conosceva solo la crescita dell'occupazione in tutti i suoi ambiti ed aspetti.

La Cisl del Veneto, è stato ribadito, sostiene la via della concertazione con le istituzioni e le Parti Sociali come metodo per limitare gli effetti negativi della crisi tra i lavoratori e le imprese, per fare le riforme, e per riprendere la via dello sviluppo.

Sui temi del lavoro e del welfare in Veneto la Porto ha annunciato un seminario di approfondimento di tutto il gruppo dirigente della Cisl del Veneto per il prossimo 30 giugno a cui parteciperà Raffaele Bonanni.

Veneto crisi