Cisl Scuola. Incontro con i parlamentari sulla scuola pubblica in Veneto

Giovedì, 08 settembre 2016

Inizio delle scuole alle porte e docenti ancora nel caos. In Veneto, a cui già in partenza viene riconosciuto un organico nettamente inferiore rispetto alle effettive necessità, si prospetta un anno all'insegna dell'instabilità, causa la proliferazione di supplenze a tutti i livelli per mancanza di titolari.«Il dito è puntato sul Ministero – contesta Tina Cupani Cisl Scuola Veneto - perché le scelte sulla gestione del personale sono di competenza degli uffici romani di via Trastevere». A fronte della mancanza di 468 posti di docenti, 429 di personale ATA a cui si è aggiunto il recente scippo di 43 posti riservati ai docenti delle scuole d'infanzia veneti che saranno invece destinati a docenti provenienti dal sud Italia , il Segretario regionale Cupani (d'intesa con USR Veneto) ha richiesto un incontro con i parlamentari eletti in Veneto. Domani 9 settembre presso la sede Cisl di Via Piave 7 a partire dalle 10, Cisl Scuola si confronterà con i rappresentanti parlamentari di Camera e Senato a cui chiederà di intervenire congiuntamente ed urgentemente. A seguire, alle 11.30, si svolgerà la Conferenza Stampa a cui parteciperà anche Onofrio Rota. «Non si tratta del solito grido di allarme che si ripete ogni anno prima della apertura delle scuole, – conclude Cupani - se non cambiamo le cose, la scuola pubblica in Veneto sarà vittima di una pesante carenza di personale docente e amministrativo».