Cgil Cisl Uil promuovono il "Tax day"

Martedì, 05 febbraio 2008

"Il prossimo 15 febbraio sara' il nostro tax day''. Cosi' il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, ha definito l'iniziativa lanciata da Cgil, Cisl e Uil durate una conferenza stampa. Una raccolta di firme a favore della piattaforma a sostegno della politica dei redditi che precede una più ampia manifestazione a carattere nazionale prevista per il prossimo 16 febbraio a Roma

Le tre confederazioni raccoglieranno per tutta la durata della campagna elettorale le firme dei cittadini presso numerosi gazebo nelle piazze delle maggiori citta' italiane. "Si tratta - ha spiegato Bonanni - della volonta' di consolidare un forte rapporto con la gente ed i lavoratori, per meglio sollecitare la classe dirigente di oggi e di domani. Per raccogliere le esigenze delle persone, per trovare soluzioni, per far crescere redditi e pensioni''.
"La situazione che pesa su salari, stipendi e pensioni - ha aggiunto il segretario generale della Cisl - e' frutto di una mancata redistribuzione dei redditi e del problema piu' generale della riduzione delle tasse sul lavoro dipendente e dei prezzi e delle tariffe.''
"L'annunciato sciopero, previsto per il 15 febbraio, e' soltanto rinviato nel caso che il prossimo governo non ascolti la voce dei sindacati. Vogliamo indicare - ha spiegato Bonanni - alle forze politiche gia' in campagna elettorale, cosi' come al futuro governo che il primo punto da gestire sara' la politica dei redditi. Sara' dunque una mobilitazione permanente per tutto il periodo di campagna elettorale, con ''momenti di pressione, di mobilitazione, in molte citta' d'Italia, in tutti i capoluoghi''. La raccolta di firme sulla piattaforma sindacale servira' per portare al prossimo presidente del Consiglio ed al presidente della Repubblica la testimonianza dell'emergenza redditi che c'e' nel Paese''

fisco