Belluno.Produttività e welfare aziendale anche nelle piccole aziende

Martedì, 10 giugno 2014

Altri accordi per il welfare aziendale nel bellunese, uno dei punti forti della contrattazione che il sindacato territoriale, ed in particolare quello del settore moda, si è dato negli ultimi anni. “Nel contratto aziendale sottoscritto in questi giorni con la Da Vià Luigi e xon la Galvalux, entrambe del comparto occhialeria- racconta Milena Cesca della Femca Cisl- abbiamo distribuito una parte del salario di produttività in beni e servizi a favore dei lavoratori”. Nel caso della Da Vià Luigi (35 dipendenti con stabilimento a Calalzo e a Pieve di Cadore) i primi 200 euro del premio aziendale vengono erogati in buoni carburante o per la spesa alimentare, a scelta del lavoratore. Il restante premio, al raggiungimento dei risultati , andrà invece in busta paga Con la Galvalux (60 dipendenti e sede a Tai di Cadore) è stato concordato lo stesso per i primi 200 euro, il restante in busta paga oppure in permessi retribuiti.

“I lavoratori hanno accolto positivamente questa doppia innovazione – commenta Cesca- da una parte il salario aziendale collegato alla produttività che beneficia di una robusta detassazione (aliquota Irpef del 10% comprensiva della quota regionale e comunale) quindi più soldi netti in busta paga e dall’altra la trasformazione di una sua parte nella possibilità di acquistare, senza passare per la tassazione Irpef, beni e servizi di largo uso a prezzi agevolati”.

Anche le aziende e Confindustria Dolomiti hanno visto con favore questa innovazione contrattuale. “Ora ci sono le basi per allargare questa esperienza anche nelle altre piccole e medie realtà industriali locali” conclude Cesca.