Belluno. Intesa contro le molestie nei luoghi di lavoro

Mercoledì, 08 marzo 2017

Alla vigilia della festa della donna (ieri) è stato firmato dalle tre sigle sindacali bellunesi e Confindustria Belluno Dolomiti l’intesa che recepisce l’accordo quadro sulle molestie e violenze nei luoghi di lavoro raggiunto prima a livello europeo nel 2007 e poi a livello nazionale lo scorso 25 gennaio 2016. Le parti sociali si impegnano a dare massima diffusione all’accordo riaffermando che «le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro sono inaccettabili e vanno denunciate e che le imprese e i lavoratori hanno il dovere di collaborare al mantenimento di un ambiente di lavoro in cui sia rispettata la dignità di ognuno e siano favorite le relazioni interpersonali, basate su principi di eguaglianza e reciproca correttezza». Nell’ottica di promuovere iniziative di informazione e formazione all’interno delle aziende e delle strutture sindacali e individuando nel Consigliere delle Pari Opportunità provinciale il punto di riferimento per le attività, Rudy Roffarè (Cisl Belluno Treviso) ritiene «l’accordo firmato ieri è fondamentale per definire le modalità operative in caso di discriminazioni o molestie nei confronti delle donne e, più in generale, di tutte le lavoratrici e i lavoratori vittime di comportamenti violenti sul luogo di lavoro. L’impegno che ci siamo presi è quello di porre in essere azioni che non siano solo mirate allo sviluppo dell’informazione e della formazione, ma che garantiscano anche supporto e sostegno alle lavoratrice e lavoratori che dovessero trovarsi vittime di tali riprovevoli atti».