Adiconsum e banche popolari venete. Ingiuste le proposte risarcitorie

Venerdì, 24 febbraio 2017

Per ogni azione acquistata dal 1° gennaio 2007 al 31 dicembre 2016,  il risarcimento sarà di 9 euro per chi si è affidato al Banco Popolare di Vicenza e del 15% per azione per Veneto Banca. Queste le proposte risarcitorie delle due banche: gli interessati hanno tempo fino al prossimo 15 marzo (il 22 per Bpvi) per decidere se accettare. «Non è questo il percorso corretto per riacquistare la fiducia tradita dei risparmiatori: non solo gli importi sono palesemente esigui, ma non vi è nemmeno una diversificazione tra posizioni». Si esprime così l’insoddisfazione del presidente Adiconsum Vicenza Mario Carollo che aggiunge «Adiconsum continuerà la sua azione di tutela e difesa dei diritti lesi in tutte le sedi opportune». È stato infatti organizzato per sabato 25 un incontro pubblico al Viest Hotel di Vicenza dalle 10 alle 14 per dare tutte le informazioni utili perché i risparmiatori possano fare la scelta più consapevole. Interverranno anche gli avvocati Maurizio Guiducci e Paolo Nitti (studio Campisi Guiducci di Padova). Intanto, per tutelare gli azionisti, l’Associazione Consumatori ha chiesto all’istituto di Vicenza la costituzione di un protocollo di conciliazioni per i casi economicamente svantaggiati. Si sta valutando inoltre l’opportunità di ricorrere al Consob (l’Arbitrato per le Controversie Finanziarie) finanche all’azione legale se ne emergessero i presupposti.