http://www.cislveneto.it/Rassegna-stampa-Veneto/GALLIERA-L-azienda-chiude-l-attivita.-A-rischio-60-posti.-Gs-Engineering-nel-caos

GALLIERA L’azienda chiude l’attività. A rischio 60 posti. Gs Engineering nel caos

Mercoledì 4 Luglio 2012, Padova - (M.C.) Un gazebo montato in piazza davanti al Municipio (in foto) questa mattina durante il mercato settimanale, per informare l'opinione pubblica. Lo fanno i lavoratori della GS Engineering di Galliera Veneta che ha annunciato la cessazione dell'attività. Sessanta i posti a rischio. In attesa dell'incontro con la proprietà, che non ha ancora risposto alla richiesta della Fim Cisl, rappresentata da Lino Coniglio, i dipendenti hanno deciso di proseguire ad oltranza lo stato di agitazione. «Siamo seriamente preoccupati - conferma Coniglio - per lo stipendio di giugno e per tutte le altre spettanze dei sessanta lavoratori, molti dei quali lavorano in GS Engineering da una ventina d'anni. Questa repentina messa in liquidazione dell'azienda desta qualche sospetto. Due anni fa era accaduta la stessa cosa con GS Scaffalature, società dello stesso gruppo. Il trasferimento della sede legale a Carpi ci aveva creato non poche difficoltà. La decisione ci ha colto di sorpresa - afferma il segretario della Fim Cisl - perché soltanto due settimane fa sembrava scongiurato il rischio di chiusura».

      Al tavolo convocato in Regione l'azienda aveva dichiarato di essere in possesso di ordinativi per un milione e duecentomila euro raccolti nel solo mese di giugno. «Ci sembrava opportuno sostenere questo momento di difficoltà di natura finanziaria con gli ammortizzatori sociali - continua il sindacalista - Era stata raggiunta un'intesa di massima per la concessione della cassa integrazione in deroga. Non ci saremmo mai immaginati che la proprietà consegnasse i libri contabili in tribunale senza nemmeno informare il sindacato».

      L'imminente messa in liquidazione di GS Engineering provocherà ripercussioni anche per i colleghi di GS Scaffalature. «Ai lavoratori dell'azienda che ha già cessato l'attività - spiega Coniglio - erano state concesse dodici mensilità di Cig straordinaria. In base all'accordo, dal prossimo mese di settembre andranno tutti in mobilità ma con un incentivo all'esodo di cui avrebbe dovuto farsi carico GS Engineering. Abbiamo fondati motivi per ritenere che i termini dell'intesa non verranno rispettati».