Gs Engineering la chiusura mette in crisi Gs scaffalature

GALLIERA VENETA La chiusura della GS Engineering avrà ripercussioni anche sui lavoratori della GS Scaffalature, ai quali erano state concesse dodici mensilità di Cigs. A settembre andranno in mobilità con un incentivo all’esodo di cui avrebbe dovuto farsi carico la GS Engineering. Questa la grave conseguenza che porta l’improvvisa e imprevista messa in liquidazione dell’azienda di via Postumia. I dipendenti hanno deciso di proseguire a oltranza lo stato di agitazione con un presidio permanente. «Siamo seriamente preoccupati per lo stipendio di giugno e tutte le altre spettanze dei sessanta lavoratori» dichiara Lino Coniglio della Fim Cisl «questa repentina messa in liquidazione desta qualche sospetto. Due anni fa era accaduta la stessa cosa con la GS Scaffalature, società dello stesso gruppo, che oltretutto trasferì la sede legale a Carpi creandoci non poche difficoltà». E dire che soltanto due settimane fa sembrava scongiurato il rischio di chiusura visto che la GS Engineering aveva detto di avere avuto in giugno ordini per oltre un milione di euro. ( g.a.)

Vedi anche...