FARMACEUTICA. Dal referendum l'ok a chiudere la trattativa. Le rsu: servono approfondimenti sui progetti di sviluppo. Centro Gsk ad Aptuit, via libera dei dipendenti

Quasi l'83% dei ricercatori ha detto sì all'accordo sulle modalità di cessione del ramo d'azienda

I lavoratori hanno detto sì alle modalità della cessione del ramo d'azienda del centro ricerche Gsk e hanno conferito ad rsu e organizzazioni sindacali provinciali il mandato a concludere la trattativa con Aptuit. Questo l' esito del referendum indetto, dopo l' assemblea di venerdì scorso, per illustrare i contenuti dell'intesa raggiunta. Su 340 ricercatori, pari all' 82,9% degli aventi diritto, si sono detti d' accordo ad accettare la proposta di cessione in 329. Gli aspetti fondamentali dell'accordo, raggiunto nella notte tra il 10 e l'11 giugno, sono rappresentati dalla garanzia del mantenimento degli attuali livelli occupazionali per almeno i 3 anni successivi alla data di cessione e dalla applicazione delle condizioni economiche e normative attualmente in essere in Gsk derivanti dal contratto collettivo nazionale chimico-farmaceutico. Inoltre, dovrà essere garantita la contrattazione integrativa aziendale, che sarà punto di riferimento per la contrattazione futura anche in Aptuit, e dovrà poi essere mantenuta la retribuzione annua lorda di ciascun dipendente.
A questi elementi si aggiunge la richiesta di riconoscimento da parte di Gsk di una integrazione al Tfr pari a 12 mensilità e la liquidazione dell'intero ammontare del Tfr maturato ed accantonato in azienda. L'accordo prevede anche l'esplicitazione della volontà di affrontare, con il massimo di responsabilità sociale, il mantenimento dei livelli occupazionali dei lavoratori indiretti, in appalto e servizi correlati, attualmente operanti presso il centro ricerche.
«Resta tuttora in campo la necessità di ulteriori approfondimenti sui progetti per garantire il radicamento e lo sviluppo di Aptuit in Italia, che saranno oggetto di discussione al tavolo interministeriale», sottolineano rsu e organizzazioni sindacali, soddisfatte per l' approvazione dell' accordo. «Ci attendiamo un impegno specifico in tal senso da parte Gsk, oltre ad auspicare che, anche il Governo, metta in campo strumenti che favoriscano il mantenimento della ricerca di base nel campo delle Neuroscienze nel Centro Ricerche di Verona».
Ora si attende l'incontro interministeriale per poi chiudere l'operazione, come hanno ribadito Aptuit e Glaxo nel preliminare sottoscritto, entro i primi di luglio.
Elisa Costanzo

Vedi anche...