È il secondo in 10 giorni. Sit in di protesta delle dipendenti della Gecchele

È il secondo in 10 giorni. Sit in di protesta delle dipendenti della Gecchele
Momenti di forte tensione Sono intervenuti i carabinieri

Cologna Veneta. Ieri è andato in scena il secondo sit-in di protesta in 10 giorni davanti ai cancelli dell'«Agricola San Sebastiano». Bagnate fradice, una decina di lavoratrici ha bloccato l'ingresso della ditta. Gridavano la loro rabbia per le numerose ore di lavoro che, a loro dire, non sarebbero state retribuite. La contestazione è scoppiata dopo che era stato impedito ai sindacati di organizzare un'assemblea in azienda. Ci sono stati anche momenti di tensione: le manifestanti hanno chiesto l'intervento dei carabinieri perché un fornitore avrebbe tentato di investirle con il trattore. I titolari dell'«Agricola», a loro volta, hanno annunciato denunce per manifestazione non autorizzata e chiederanno i danni per le perdite da mancata consegne. La polizia ha controllato l'auto di una bracciante, la cui targa appariva contraffatta. La proprietaria però, ha dichiarato che era stata manomessa e ha sporto denuncia contro ignoti.
«Non capisco il comportamento dell'azienda», ha affermato Roberto Malesani, di Adl-Cobas. «Era stato proprio il loro legale a suggerirci di convocare un'assemblea». «Alle braccianti è stato proposto di rientrare con un orario ridotto a sei ore giornaliere», ribatte il titolare Valter Gecchele. «Non hanno accettato, i loro stipendi, comunque, sono stati tutti liquidati». P.B.

Vedi anche...