Pensioni. Sabato 14 ottobre presidi davanti a tutte le Prefetture

Giovedì, 05 ottobre 2017

A sostegno dei tavoli di trattativa in corso con il Governo, in vista della Legge di Bilancio che è in fase di definizione, Cgil, Cisl e Uil hanno promosso una manifestazione nazionale unitaria per sabato 14 ottobre con presidi di fronte a tutte le Prefetture d’Italia.

I sindacati chiedono che nella Legge di Bilancio siano inseriti alcuni provvedimenti in materia di previdenza, welfare e sviluppo, come si legge in una nota stampa confederale «più risorse sia per l’occupazione giovanile sia per gli ammortizzatori sociali». L’attenzione è posta in particolare sul tema della previdenza dove si chiede «il congelamento dell’innalzamento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita, un meccanismo che consenta di costruire pensioni dignitose per i giovani che svolgono lavori discontinui, la riduzione dei requisiti contributivi per l’accesso alla pensione delle donne con figli o impegnate in lavori di cura, l’adeguamento delle pensioni in essere». La lista delle richieste sindacali si completa con «la piena copertura finanziaria per il rinnovo e la rapida e positiva conclusione dei contratti del pubblico impiego - ed infine - risorse aggiuntive per la sanità ed il finanziamento adeguato per la non autosufficienza».

«La decisione di procedere a questa manifestazione per sensibilizzare il Governo ad ascoltare le nostre richieste è stata presa unitariamente nelle riunioni interne delle tre organizzazioni che si sono svolte nei giorni scorsi – dice Onofrio Rota, aggiungendo che - in Veneto ci stiamo già attivando per organizzare sabato prossimo un presidio davanti ad ognuna delle sette Prefetture».