Fisascat Veneto. Secondo mandato per Rizzo

Giovedì, 20 aprile 2017

“Il Lavoro cambia, i Valori restano”, «perché alta deve rimanere la nobiltà e il valore unico di ogni persona nel lavoro». Spiega così il titolo del 10° Congresso Fisascat Veneto la Segretaria generale uscente Maurizia Rizzo di fronte agli ospiti e ai 153 delegati (rappresentanti dei 40mila iscritti) che si sono riuniti all’Hotel Viest di Vicenza per la due giorni di lavori. «La Fisascat è una categoria complessa, che rappresenta molteplici settori – ha ricordato Rizzo durante la sua relazione – siamo la prima categoria degli attivi della Cisl Veneto; i lavoratori saranno sempre per noi i protagonisti e insieme continueremo a definire i nostri obiettivi, a perseguirli, a difenderli, a contrattarli. Rinnoviamo pertanto l’impegno di essere a fianco di chi ha bisogno, dei lavoratori, dei giovani e dei disoccupati per affermare insieme la libertà individuale all’interno di una collettività libera e solidale». Tra gli ospiti presenti anche Pierangelo Ranieri (Segretario generale Fisascat Cisl) e Onofrio Rota.

Al termine del Congresso è stato convocato il neo eletto Consiglio generale di federazione che si è espresso confermando, per il secondo mandato consecutivo, Maurizia Rizzo Segretaria generale. Originaria del Polesine, Rizzo vive attualmente a Rovigo con il marito e le due figlie. Dopo il diploma comincia a lavorare in un laboratorio tessile di Adria come impiegata. «Fu mio padre a spingermi a fare la tessera Cisl - ricorda la neo segretaria - cominciai quindi a frequentare la sede locale nel tempo libero». Nel 1980 il sindacato dei tessili (allora la Filta Cisl) le propone di fare l’operatrice sindacale. Inizia così un percorso di impegno sindacale che l’ha vista anche all’Ufficio Vertenze e Legale, nella Fisascat e nell'ente di patronato Inas. Nel febbraio 2012 è stata eletta Segretaria generale Fisascat Veneto. In Segreteria eletti Edoardo Dorella e Enrico De Peron.