Cisl Scuola Veneto. Biolo “Ringraziamo il personale delle segreterie se l’anno scolastico partirà regolamente”

Giovedì, 03 agosto 2017

«Mai come questa volta il Ministero della Istruzione deve ringraziare i lavoratori delle Segreterie Scolastiche e dei propri uffici decentrati se l’anno scolastico partirà in modo regolare».

Ad affermarlo è Sandra Biolo (Cisl Scuola Veneto) che ha preso carta e penna e scritto una lettera di ringraziamento a tutti i lavoratori delle Segreterie Scolastiche degli 800 istituti comprensivi e superiori della nostra regione. «Il personale di questi uffici - spiega Biolo - si è trovato di fronte contemporaneamente a due emergenze. La prima determinata dalla quantità delle domande di inserimento nelle liste dei supplenti (parliamo di migliaia) e quindi nelle graduatorie per il prossimo anno scolastico che ha superato ogni previsione. La seconda è il software predisposto dal Ministero, il SIDI, per gestire queste pratiche che prima ha avuto problemi di aggiornamento facendo slittare di due settimane in avanti (dal 5 al 19 giugno) la sua operatività, e poi di ripetuti lunghi blocchi del sistema operativo che impedivano la gestione delle pratiche. Ora ci aspettiamo che anche il Ministro ringrazi questi suoi dipendenti che hanno dimostrato in un grande attaccamento alla loro missione portando a termine il lavoro nei termini previsti».

Biolo cita alcuni casi eclatanti: al Marchesi di Padova hanno fatto domanda di supplenza in 480, al Marco Polo di Venezia in 360, a Verona il Liceo Montanari ha ricevuto 460 richieste, 299 quelle pervenute al Duca degli Abruzzi di Treviso mentre sono stati 309 gli aspiranti docenti che si sono offerti al Pigafetta di Vicenza.

«Non è però finita qui  - incalza la segretaria di Cisl Scuola - in questi giorni sono sotto pressione i lavoratori della Direzione Regionale Scolastica e degli uffici provinciali (ex Provveditorati) che devono procedere alle assunzioni in ruolo del personale docente. Anche in questo caso la mole di lavoro è enorme e i tempi a disposizione sono ristrettissimi: la comunicazione del Ministero è arrivata giovedì 27 luglio con l'obbligo di concludere entro dopodomani, sabato 5 agosto. Parliamo di alcune migliaia di pratiche che devono essere fatte come si deve perché ad ogni errore potrebbe corrispondere una controversia con l’interessato e ricorsi amministrativi che potrebbero pregiudicare il buon funzionamento della scuola».